Senza categoria

Batteria carica, ciclista felice

Per i temerari ciclisti-e, le rigide temperature di questo periodo non aiutano, perché le batterie soffrono il freddo, rendendo le bici più “fragili”. Il gelo non grava soltanto sull’autonomia, riducendola, ma anche sulla velocità di ricarica, che è minore rispetto al solito. Non solo: ricaricare in modo errato (a temperature molto basse, per esempio) può arrivare a compromettere la durata della vita della batteria stessa. Ecco qualche consiglio di stagione.

La batteria va protetta dal freddo. L’ideale sarebbe tenere la bici in un locale dove la temperatura è compresa tra i 10 e i 20 gradi, ovvero in casa. È il sogno di ogni ciclista, ma non sempre è possibile. Se tenete la bici in garage, dove magari è superiore anche l’umidità, e non è possibile togliere la batteria per tenerla nella vostra abitazione (è il caso, per esempio, della bici del Giro-E, la Bianchi Aria e-road, che ha la batteria integrata nel telaio, come molte bici con il motore nel mozzo posteriore), potreste avvolgere la zona del telaio dove la batteria è contenuta con una coperta, del neoprene o anche con del normale domopack, che protegge pure dall’umidità. Prima di riporre la bici in garage dopo l’uscita, meglio ricaricare la batteria almeno al 70 per cento, per poi ricaricarla completamente prima dell’uscita successiva, tenendo presente che le batterie a ioni di litio (quelle montate sulle bici) si scaricano più velocemente alle basse temperature rispetto ad altri tipi di batteria, e vanno ricaricate con maggiore frequenza. Per monitorare la quantità precisa di energia residua della batteria (il livello di carica) si possono scaricare le app dedicate ai vari modelli.

Per quanto riguarda la ricarica, se fatta all’esterno, per esempio a una temperatura di zero gradi, può arrivare anche al 30-35 per cento in meno del solito, perché le basse temperature influiscono sulle reazioni elettrochimiche all’interno delle celle. Le prestazioni della batteria, in questo caso, saranno inferiori rispetto al solito, con la distanza massima percorribile decisamente ridotta: tenetene conto quando programmate l’uscita. Prima di ricaricare la batteria di una bici tenuta nel box, dunque, riportate gradualmente la temperatura intorno ai 20 gradi, poi potrete procedere alla ricarica. 

Infine, dopo un’uscita e il seguente lavaggio della bici, d’inverno come d’estate, è bene pulire la porta della ricarica, usando un pulitore per contatti elettrici, e verificare sempre la tenuta della chiusura che protegge dall’umidità.

Con questi piccoli trucchi, batteria carica, ciclista felice.