Tappa 18

RITROVO DI PARTENZA

 

Casalpusterlengo

INCOLONNAMENTO

 

-

KM 0, VIA UFFICIALE

 

12:20

KM

 

86.6

ARRIVO

 

Stradella

ORARIO DI ARRIVO

 

15:12

Tappa 18 | 27 Maggio 2021 | 86.6 km

Casalpusterlengo >
Stradella

Casalpusterlengo

Casalpusterlengo è un comune di 15.321 abitanti in provincia di Lodi, il nome deriva dalla casata dei Pusterla ai quali appartenne il borgo nel XIV secolo. Una seconda versione dice che il nome derivi da Casale Pistorium in quanto qui in epoca romana furono costruiti dei forni per la panificazione. E’ sede di un importante mercato settimanale descritto da fonti scritte già dal 1500.

Storia

Il borgo, di antica origine, nel XIV secolo appartenne ai Pusterla, a cui successero inizialmente i Lampugnani (1450), poi i marchesi Castelli (1665-1695) e infine i Trivulzio. Del castello, eretto dai Pusterla, rimane una torre merlata, a due corpi sovrapposti, recentemente restaurata. Degne di nota sono le apparizioni mariane del 1574, che diedero l’avvio alla devozione per la Madonna dei Cappuccini e furono all’origine dell’edificazione dell’omonimo santuario.

Luoghi di interesse

Torre Pusterla, Chiesa di San Bartolomeo e Martino, Teatro Comunale Carlo Rossi, Biblioteca Comunale “Carlo Cattaneo”, Palazzo Lampugnani, Villa Biancardi Vistarini in Zorlesco, Santuario della Madonna dei Cappuccini, Palazzo Grassi in Vittadone, Parco del Brembiolo, Chiese Rionali Sant’Antonio, San Rocco, San Bernardino, Monumento popolare “Sassi di memoria e comunanza”.

Attività su mobilità eco sostenibili

Comune dall’elevato numero di percorsi ciclopedonali che interconnettono la città con i suoi quartieri, le sue frazioni con tutto il territorio, grande sensibilità per la tutela dell’ambiente e della sostenibilità: piantumazione costante, adesione alla campagna “plastic-free” negli edifici pubblici e nelle scuole. Da tempo impegnato nel rinnovo del parco mezzi della Polizia Locale, negli ultimi anni sono state acquistate auto ibride, a metano e velocipedi e-bike.

In tavola

Località famosa per la produzione del Gorgonzola di Croce, torta di Casale, Stangheti: tortelli di zucca locali, biscotti calissoni.

Stradella

Stradella è un comune italiano di 11 540 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nell’Oltrepò Pavese, parte sulle ultime propaggini collinari, parte in pianura. In questo punto gli Appennini toccano l’estremo limite settentrionale e si avvicinano moltissimo al Po, cosicché la pianura Padana a sud del fiume si restringe in un corridoio detto stretta di Stradella. Stradella si trova alla fine della Val Versa.

La storia di Stradella si confonde, nel medioevo, con quella dell’antica località di Montalino, situata su una modesta altura alla periferia meridionale della città attuale, dove ancor oggi si trova l’oratorio di San Marcello in Montalino. Sia Montalino sia Stradella appartenevano alla signoria temporale del Vescovo di Pavia, anche se non è chiaro da quando

Vi nacque il pittore Giuseppe Baldrighi. Legato alla città anche il nome di Agostino Depretis, che aveva qui il collegio elettorale, e vi morì nel 1887.

Luoghi di interesse

La Torre civica, che sorge nel centro della città, un tempo parte dalla Rocca Inferiore voluta dai Visconti; il caratteristico Museo della Fisarmonica “Mariano Dallapè”, non solo luogo di esposizione ma soprattutto testimonianza di un’arte e di una produzione che hanno portato, in tutto il mondo, il nome di Stradella; il Teatro Sociale, che venne costruito grazie all’iniziativa di alcuni maggiorenti della città su progetto dell’architetto Giovanbattista Chiappa, nello stile del teatro neoclassico in voga alla fine del Settecento.

Gastronomia

Il territorio del comune è per oltre i 4/5 coltivato a vite, e Stradella è uno dei maggiori mercati di vini della Lombardia. Nell’Elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) della Regione Lombardia compare il Salame Nostrano di Stradella, che è anche una della quattro Denominazioni Comunali d’Origine riconosciute e deliberate dal Comune, che comprendono, oltre al Salame Nostrano, il Miccone di Stradella, la Pancetta con cotenna e la Torta La Torre.

Vini

Bonarda, Sangue di Giuda, Moscato, Pinot Nero, Pinot Grigio, Barbera.