Senza categoria

Tappa 9: da Francavilla al Mare a Tortoreto

By 13/10/2020 No Comments

Mare su mare. In attesa della montagna, menu di pesce e vino bianco (Trebbiano d’Abruzzo, scelta obbligata e di soddisfazione). Ciclismo, anche. Anzi, ovviamente.
La nona tappa parte da Francavilla al Mare e arriva a Tortoreto. 100 chilometri netti per 900 metri di dislivello positivo. Molta pianura (un bel misto iniziale) ma anche due salite di categoria 4: Chieti con il suo Muro del Tricalle al 18 per cento (media 7,8) e la forse ancor più secca Tortoreto, anch’essa con punti al 18 per cento (media 7,3). Salite toste, due muri, con pendenze a doppia cifra. E una discesa, quella dal Tricalle, impegnativa forse più della salita.
Insomma tappa bella, mossa, capace di soddisfare i palati fini come di non scoraggiare i neofiti. Evitati i temuti muri teramani affrontati invece dai professionisti nella tappa odierna Come il Colonnella (10 per cento medio!) o il Controguerra (punte del 24 per cento). È un’ipotesi, ma probabilmente neppure il motore e una batteria al massimo della carica avrebbero alleviato i ciclisti elettrici da una sofferenza vicina al sacrificio. Invece, com’è giusto che sia, il Giro-E da una parte attenua e dall’altro garantisce un brivido a misura d’uomo e non d’atleta. È il suo bello, la sua unicità.
Il santo di giornata è San Rocky, inteso come Marciano, l’unico pugile peso massimo ritiratosi imbattuto dopo 49 e quasi tutti massacranti match. La famiglia veniva da Ripa Teatina, località nell’entroterra di Francavilla al Mare. Disse: “Sul ring non ho mai provato paura”. Gli avversari sì.
Situazione maglie dopo la nona tappa: il team Italia Agenzia Nazionale Turismo detiene la maglia Viola classifica generale (la somma di tutte le classifiche), la Nera classifica master, la Rossa classifica Sprint al traguardo e la Azzurra classifica prova speciale. La maglia Arancio classifica regolarità va al team RCS Sport-JGMF EU-Pharma e la Blu classifica giovani è del Fly Cycling Team-CDI. Il vincitore dello sprint al traguardo di Tortoreto è Gilberto Simoni, al suo primo successo nel Giro-E 2020.
Domani decima tappa del Giro-E. Partenza da Marotta e arrivo a Rimini. 101 chilometri tutti dritti sulla strada statale costiera Adriatica, con una breve deviazione per scalare il Monte San Bartolo, unica asperità di giornata, pendenza massima 8 per cento. Con un totale di 400 metri di dislivello positivo, il motore sarà solo una suggestione.

FOTO
Alfredo Falcone/LaPresse