Senza categoria

Penne / Gualdo Tadino 15/05/2018

By 15/05/2018 Gennaio 15th, 2020 No Comments

MOBILITÀ SOSTENIBILE: uno slogan sulla bocca di molti, un motto finito nell’agenda di moltissimi politici, un obiettivo per aziende ed enti pubblici. Ma anche il messaggio che sta veicolando lungo le strade del Giro d’Italia numero 101 la carovana del Giro E, iniziativa che ha preso il via a Catania per il primo anno e che si chiuderà a Roma il prossimo 27 maggio. Biciclette a pedalata assistita e auto ibride: così la corsa elettrica non è solo una gara in sella a mezzi super tecnologici ma anche uno spot per sostenere un’idea di mobilità che non impatti sull’ambiente e che aiuti a ridurre il più possibile le emissioni.

MOBILITA’ ELETTRICA: Partner di questo progetto di Rcs Sport (insieme a Banca Mediolanum, NamedSport, Pinarello e Tag Heuer) è Enel, che ha creduto fortemente in questo format dove l’elettricità, una delle energie pulite per eccellenza, gioca un ruolo da protagonista. In effetti per i concorrenti-ospiti il Giro E si trasforma in una sorte di percorso formativo sulla mobilità sostenibile: la sera precedente la tappa partecipano a un incontro di preparazione sulle caratteristiche tecniche delle bici elettriche e del tragitto di gara, mentre il mattino seguente possono toccare con mano le eroad bike di Pinarello le cui batterie sono state ricaricate a dovere nel corso della notte.

SETTIMA TAPPA: Intanto i cinque team in sella alle Nytro di Pinarello hanno chiuso anche la settima tappa che li ha portati dallo start di Penne, in provincia di Pescara, fino al traguardo di Gualdo Tadino. Anche i concorrenti del Giro E hanno dovuto affrontare la prima, dura, asperità di giornata, passando dal Comune di Farindola e nei pressi di Rigopiano, portando il loro semplice e umile omaggio al territorio e ai suoi abitanti. Che hanno atteso la carovana elettrica fin dalle prime ore del mattino per festeggiare i ciclisti di passaggio. Che poi si sono dati battaglia sotto una timida pioggia sul lungo rettilineo finale di Gualdo Tadino, battagliando in volata per la prima posizione.