Senza categoria

Merry Christmas-E

Caro Babbo Natale dei ciclisti, 

quest’anno in pianura non c’è la neve e i tuoi pneumatici non correranno il rischio di scivolare, perciò stanotte macinerai i soliti milioni di chilometri per renderci tutti felici, ognuno a modo nostro.

C’è chi ti avrà chiesto di portargli la forma di un tempo, chi il nuovo gruppo Dura Ace, chi un telaio full carbon di un etto più lggero in modo da poter staccare gli amici sulle salite della fantasia; qualcuno ti avrà chiesto un’e-bike, qualcun altro di riuscire finalmente a partecipare al Giro-E, che nel 2022 potrebbe vedere il più grande numero di team mai schierati. C’è chi spera in un nuovo Pantani, chi in un erede di Nibali, chi non vede l’ora che cominci il Giro perché col Giro comincia l’estate. C’è chi sogna una Bianchi Aria e chi una cromovelata per fare l’Eroica, chi una e-gravel e chi il ciclomulino di ultima generazione per pedalare anche quando fuori infuria la bufera.

Tra mille richieste, una cosa ce la dovresti portare davvero, caro Babbo Natale: la salute di ‘sto mondo impazzito. Inventati una bora così forte da portarsi via il Covid per sempre, da spingerlo in un punto dell’universo così lontano che possa diventare un ricordo, se vuoi né brutto né bello, ma qualcosa che non c’è più.

E dopo questo dono ti riposerai per sempre e noi ti faremo presidente onorario del Giro-E e ti daremo il pass per entare non solo alla nostra hospitality, ma in tutte le hospitality del Giro, che sono tante, come le tappe di questa corsa rosa e infinita che ci piace tanto; porta pure chi vuoi.