Senza categoria

Le 9 più belle salite della Lombardia

Quest’anno il Giro-E, oltre alla cronometro finale Cernusco sul Naviglio-Milano, percorrerà in Lombardia solo una porzione della tappa numero 18, la Vigevano-Asti, quasi totalmente pianeggiante. Come noto, però, per gli amanti delle due ruote, la Lombardia è ricca di itinerari anche impegnativi che si snodano lungo percorsi turistici della regione. Infatti, non è difficile incontrare durante l’anno gruppi numerosi di ciclisti che nel fine settimana percorrono i giri più caratteristici.
Il periodo migliore per visitare la Lombardia in bici? La primavera e l’estate, con l’arrivo della bella stagione e l’allungarsi delle giornate, sono i periodi ideali per godere di una lunga pedalata; l’autunno regala il piacere di muoversi in solitudine apprezzando i magnifici panorami collinari che si possono incontrare lungo i percorsi. Infine, i veri appassionati si muovono anche d’inverno, quindi non c’è il rischio di trovarsi completamente soli durante il tragitto. Ma non pensate che queste siano salite dedicate solo ai grandi campioni. Grazie alle e-bike, avrete la necessaria “spinta” per arrivare in cima!
Ecco allora le 9 salite più belle della Lombardia.

Passo del Ghisallo
Definita mistica per il suo valore storico e religioso, simbolo del Giro in Lombardia e del triangolo lariano, il Ghisallo è una salita che un ciclista deve affrontare almeno una volta nella vita. Si tratta di una salita che parte da Bellagio e raggiunge il Santuario della Madonna del Ghisallo, protettrice dei ciclisti. Oltre a scorgere una fantastica vista sul ramo lecchese è possibile visitare il Museo del Ciclismo e il monumento al ciclista. Il passo del Ghisallo è un percorso di 9 km con una pendenza media del 5,5%.
Scopri di più

Muro di Sormano
Situato nel Triangolo Lariano in provincia di Como, il Muro di Sormano è entrato nella leggenda del ciclismo internazionale come una delle salite più impegnative del passato. Nota ai ciclisti per le sue pendenze impossibili ed estreme che mettono a dura prova anche i campioni. Due chilometri di percorso con una pendenza media del 15,8% con punte del 23%.
Scopri di più

Passo del Cuvignone
Tra la Valcuvia e Luino, a pochi chilometri dal confine con la Svizzera c’è Cuvignone, la montagna dei ciclisti del Varesotto. È la salita dove si allenavano due grandi campioni: Alfredo Binda e Ivan Basso. Quasi 800 metri di dislivello in circa 9 km di ascesa con una pendenza dell’8%. Un luogo magico, circondato da una vallata selvaggia e poco abitata.
Scopri di più

Passo Gavia
Il Passo Gavia è uno dei valichi alpini più alti che unisce la Valle Camonica alla Valtellina e ha più volte visto transitare i corridori del Giro d’Italia. La salita ha inizio a settentrione del paese di Ponte di Legno, raggiunge il Passo Gavia con una pendenza costante che si attesta attorno all’8%.
Scopri di più

Passo del Mortirolo
La salita del Mortirolo, dal versante valtellinese, è considerata da molti la più dura d’Europa. Rappresenta con i suoi prati, pascoli e boschi, un luogo appagante per la vista e per lo spirito. A renderla famosa, la fuga in solitaria dell’emergente Marco Pantani che nel ‘94 l’ha resa meta ambita per gli amanti della bicicletta da corsa, conquistandosi la vittoria in gara. La pendenza media della salita è del 10,4%.
Scopri di più

Passo dello Stelvio
Una salita mitica tanto da essere considerata la “Mecca” del ciclismo, la strada che porta al passo Stelvio è immersa in un parco naturale in una zona intrisa di storia. Ci sono tre alternative per raggiungere il passo: dal versante lombardo con partenza da Bormio, dal versante altoatesino con partenza da Prato allo Stelvio e infine dal versante svizzero con partenza da Santa Maria. La pendenza media della salita è dell’8%.
Scopri di più

Passo Nota Tremalzo
Tremalzo è una delle mete più ambite dagli appassionati delle due ruote capace di attirare ciclisti da ogni parte d’Europa. A disegnare i versanti della zona sono i bellissimi panorami e le strade intrecciate che formano il percorso da dove si può ammirare il Lago di Garda e tornante dopo tornante ci si avvicina sempre più all’imponente Monte Tremalzo. La pendenza media della salita è del 7%.
Scopri di più

Monte Penice
Un percorso in bici piacevole senza pendenze estreme, che parte dalla pianura padana attraversa i vigneti e arriva tra i boschi di montagna, verso i confini meridionali della Lombardia. La strada che porta al passo, da Varzi, è una salita progressivamente sempre più impegnativa e che misura una pendenza media del 5,5%, anche se i cinque-sei chilometri finali sono più severi.
Scopri di più

Passo del Vivione
Il Passo del Vivione è un luogo meraviglioso in tutte le stagioni dove la natura è padrona. Un suggestivo itinerario in bici che attraversa la Val di Scalve. Il tracciato è costituito da circa 21km con pendenze che toccano punte tra il 9%-10%, mentre la pendenza media si attesta intorno al 5%.
Scopri di più

Scopri di più su: in-lombardia.it

photo: credits_inLombardia

694 Comments

Leave a Reply