Senza categoria

Giro-E incontra… Lorenzo Tardini – Cortina 2021

Cortina 2021 sceglie il Giro-E per annunciare al mondo i prossimi Campionati del mondo di sci alpino e lo fa attraverso la Maglia Azzurra del Giro-E 2020, assegnata al leader della classifica Prova Speciale.
Fondazione Cortina 2021, presieduta da Alessandro Benetton e diretta da Valerio Giacobbi, è l’organizzatore dei Campionati del Mondo di sci alpino che si terranno a Cortina d’Ampezzo dal 7 al 21 febbraio 2021. Durante i 14 giorni di evento, i campioni provenienti da 70 nazioni si contenderanno i 13 titoli iridati di discesa, super G, gigante, slalom, combinata alpina e, per la prima volta, di parallelo individuale. Due settimane di gare maschili e femminili ed eventi che porteranno nell’ampezzano oltre 600 atleti. Insieme a loro circa 6.000 persone tra addetti ai lavori, volontari, tecnici, preparatori atletici, skimen e dirigenti. Un evento di portata globale che coinvolgerà oltre 500 milioni di persone collegate in diretta televisiva da tutto il mondo, cui va a sommarsi la popolazione digitale attraverso i nuovi Media.
“Il senso è unire due grandi eventi: il Mondiale di sci alpino e il Giro d’Italia”, dice Lorenzo Tardini, Sales&Marketing Director di Cortina 2021. “Del Giro, evento nazional popolare per eccellenza, abbiamo scelto la sua versione elettrica, il Giro-E, perché Cortina è sempre stata attenta alla sostenibilità ambientale e ha costruito negli anni un grosso progetto per elettrificare sia la città sia l’accesso alle piste da sci. Enel è uno dei grandi partner del Mondiale di sci, con tutte le sue anime, quindi anche con quella elettrica. Enel X da due anni sta sviluppando un progetto per mettere le colonnine di ricarica sia alla base degli impianti sia al centro del paese. Audi, che è il nostro altro grande partner, per il Mondiale ci darà una flotta di auto ibride ed elettriche. Il Mondiale sarà improntato alla eco sostenibilità. Il Giro-E è inoltre una importante occasione di comunicazione:
useremo infatti la Maglia Azzurra del Giro-E per raccontare che a breve andranno in scena i Mondiali di sci, il primo evento invernale iridato dell’era Covid. Speriamo sia un buon augurio per tutti e vorremmo portare tutti a Cortina.
Quando arriveremo nelle tappe di montagna, accoglieremo il pubblico e i partecipanti con la nostra mascotte, Corty, lo scoiattolo rosso di Cortina. Con Corty attiveremo anche dei contest digital con il pubblico per vincere dei premi e venire a vedere il Mondiale.
Corty è un personaggio che trae ispirazione dalla tradizione e dalla storia di Cortina d’Ampezzo. È uno degli animali che abitano i boschi delle Dolomiti e nel 1939 fu scelto come simbolo del gruppo di arrampicatori ampezzani non professionisti, conosciuto appunto come Gli Scoiattoli di Cortina. Nel 1954, insieme a uno di loro – Lino Lacedelli – l’animaletto scalò la seconda vetta più alta del mondo, il K2. Compare anche nel logo turistico della località ed è la mascotte della squadra cittadina di hockey.
Durante il Giro-E, il 19 ottobre, ci sarà l’apertura del ticketing del Mondiale. In quei giorni il Giro-E sarà già al nord e il sabato e domenica precedenti sono in programma le prime gare di Coppa del mondo. Non potrebbe esserci momenti migliore: l’evento di Cortina sarà imperdibile, organizzato ovviamente nel migliore dei modi rispettando tutte le normative di sicurezza per contrastare la pandemia Covid-19.
Il nostro ambassador sarà Kristian Ghedina, che pedalerà in una tappa. Lui conosce già le bici a pedalata assistita e ha partecipato anche lo scorso anno. In montagna ormai spopolano, perché permettono a tanta gente di raggiungere luoghi altrimenti inaccessibili. Anche questa, montagna e bici elettriche, è un’accoppiata vincente. Vincente come le attivazioni create in questi quattro anni di avvicinamento che hanno visto i partner e gli sponsor di Cortina 2021 collaborare, condividendo opportunità e soprattutto i valori dello sport”.

www.cortina2021.com

#roadtoCortina2021 | Seguici su Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn e Youtube

996 Comments

Leave a Reply